Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘VITA QUOTIDIANA’ Category

Ho preparato la cartella,

ci ho messo dentro i quaderni, li ho aperti li ho guardati.

Ho preso l’astuccio, ho temperato tutte le matite anche li ho controllato che ci sia tutto.

Ho scritto le tue iniziali su tutte le matite, poi su tutti i pennarelli.

Ho preso i libri, quelli che non userai più perché ne avrai di nuovi…… li ho aperti e mi sono messa a vedere quelle figure quelle vocali,

ho visto quello che in questo mese e mezzo di scuola hai fatto nella tua vecchia classe e l’emozione è salita fino agli occhi.

Ho guardato la tua piccola calligrafia così incerta così tenera quella giusta calligrafia che esce da delle manine così piccole.

Ti ho immaginato con le tue amiche, quelle della materna, quelle che da domani non vedi più perché cambi scuola.

Io che di scuole ne ho cambiate tante, oggi sono qui a pensare a te a quanto sì……. “sono piccoli gli amici se li fanno in fretta………”,

ma dispiace sempre lasciare quelli di prima…

Quelli con cui hai iniziato un percorso…..

ho controllato che ci fosse tutto.

ho chiuso la cartella e ho pensato che nella tua piccola vita questa è già un prova.

Ho lasciato la cartella all’ingresso e ho pensato che nella mia vita anche per me è un prova.

Si perché a me, alla fine, non è mai piaciuto cambiare scuola e forse è proprio per questo oggi ti ho così tanto nel cuore…

Read Full Post »

quando l’anno iniza con un po di giorni a casa con loro a giocare, scherzare ed andare in bicicletta …

quando l’ anno inizia con un compleanno, una bella cena con amici “sani” con cui ti diverti ridi scherzi e canti…

quando l’anno comincia con questa torta (fatta da lui)…

si può dire che anche se è un anno bisestile è iniziato con i migliori auspici….

Read Full Post »

 

 

 

 

 

 

 

 

Matilde ad Aurora:

 “mi yacconti una favola?”

“No non mi va“

“Daiiiiiii mi yacconti una favola????”

“No voglio attacare le figurine … ”

“Le tue dove sono??”

” Io ha messe nascoste … ”

Dopo 5 minuti Mati prende un libro di winnie (altro…)

Read Full Post »

Sento odor di cetriolo… ed in effetti è arrivato.

Un bel cetriolone che quest ’anno non sono riuscita ad evitare.

La cosa è andata così.

Riunione scolastica alla scuola materna di Aurora.

Erano presenti tutte le mamme comprese le mammostre

Tutte sedute su delle sedie per esseri umani che vanno fino ad un massimo di 120cm

Tutte con un foglietto in mano.

Avvio alle votazioni.

L’unico foglietto che non aveva scritto il mio nome era proprio il mio… sig….sig… (altro…)

Read Full Post »

Non sono una fissata con la parità dei sessi, ne’ credo che in fondo questo è possibile.
Credo che ognuno ha suoi ruoli che vanno rispettati credo che all’interno dei ruoli vi sia spazio sufficiente per poter agire in libertà.
Credo che la bellezza di noi donne, la grazia, e la fragilità siano cose da mantenere e non da combattere.
Credo che la spavalderia, la forza e la voglia di conoscerci degli uomini debbano rimanere al loro posto.
Credo che sia bello poter condividere le passioni, gli sforzi , le idee.

Questo lo credo nella vita, nei sentimenti e nel lavoro. (altro…)

Read Full Post »

 

 

 

 

“Mamma IO NO GIOCA AURORA!!!!!”

“e perché non ti fanno giocare?”

“ Ammmmm  Perché io a piccola…”

(Aurora e il papà stavano giocano con la WII con tanto di pedana…)

“Ok tra un po’ smettono e giocate insieme . Va bene?”

“Gno!!!!”

Se ne va…

va in bagno, prende la bilancia digitale bianca come  pedana WII e la porta in sala, la piazza vicino alla pedana e…

“ Ecco anche Matilde gioca”…

 

Read Full Post »

 

 

 

 

AURORA

“mamma io sono felice di andare all’asilo”

“Si????? ?  e perché sei felice?”

   “Perché ci sono le mie amiche mi diverto giochiamo e le maestre ci fanno fare molte cose interessanti”

Lei parla realmente così … come un’universitaria….. a quattro anni…

parlava così anche a due….. fantastica

Ha  attraversato il corridoio correndo per andare ad abbracciare le maestre. L’accoglienza è stata magnifica, il rientro è stato come tornare in un mondo incantato, come rientrare in una favola, in un mondo color pastello…

 MATILDE

“Mamma io no asilo ”

“ NO??? Perché no?”

“bojo mamma”

“ma mamma deve andare il ufficio”

“bojo mamma“bojo mamma”” “bojo mammaaaaaaaaaaaaaaaaaaa”

“Ok, va bene casomai mi fermo un po con te ……….”

Non vuole entrare…. Intendo proprio nel senso fisico

“Guarda ci sono i bimbi come te”

Lei oltre che a parlare come un bambino bielorusso, quelli come lei li schifa  devono essere almeno alti come Aurora 1.30 per essere presi in considerazione, non socializza, non ci parla , se può li evita dopo che le hanno chiesto una cosa non risponde  e se ne va.

Ma appena vede un’amichetta della sorella diventa un angelo, gli dice come si chiama, cosa ha mangiato, la prende per mano e chiede se vuole giocare con lei…

Oggi non voleva neanche oltrepassare la porta si è impuntata come un somaro l’ho presa in braccio, ho varcato la soglia,

 e……….. dopo aver trattenuto il respiro si è attaccata con le ughie e

MAMMMMMMMMMMMMMMAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAAA !!!!!!!!!!!!!!!!!!

Le povere maestre che devono essere allenate alle scene tipo questa hanno messo su un teatrino per distrarla.

Lei niente le guarda senza fare la minima smorfia… aggrappata a me come se fossi l’ultima corda che ti tiene prima del precipizio.

Provo a metterla giù,  e piange, fino a farsi venire le convulzioni.

La riprendo e ride….

Beh allora sei un po carogna allora ora ti mollo qui e vado.

Raccolgo tutto l’animo da Hitler che mi ritrovo e esco.

La sento urlare, chiamare mamma, aspetto un po fuori per sentire se si calma..

Anche oggi è andata…. Ma se può campà così belladimamma ????

e sono solo le 8.40 del mattino…..

Read Full Post »

Older Posts »