Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for the ‘DUBBI’ Category

Ieri ho avuto per la prima volta la netta sensazione che più i figli crescono e più è difficile per te decidere per loro.

Sono andata alla riunione per la prima elementare e ne sono uscita veramente provata.

Ho scoperto che le elementari sono diventate complicate hanno tante materie in più e per di più chi le gestisce arranca come può nella gestione del personale.

Ieri una vice preside con grande dote di dialettica e un vestito che levate ci ha illustrato con grande entusiasmo come la scuola è decaduta in questi anni, sforzandosi come poteva di giustificare i tagli, la mensa che non è stata ancora costruita, e una palestra che cade a pezzi,  ma le insegnati sono tutte giovani , fanno laboratori e sono piene di entusiasmo.

“vedrete i vostri bambini staranno benissimo qui” certo con una certa dose di spirito di adattamento e pazienza forse….

A me sembrava di stare in una puntata dei “fantagenitori”

Le mamme hanno chiesto in ordine:

“le maestre che prendono la prima quanto sono giovani?? non è che vanno in maternità??”

“quando escono alle 16.30 mica devono fare i compiti a casa no?”

“ci sono attività extrascolastiche .. dopo le 16.30?”

Cioè il notturno …

Tornando a casa in macchina riflettevo sul da farsi tenendo sempre ben presente che, volendo, ho ancora un anno per decidere.

Cercavo di immaginare lei in quella scuola e proprio per quanti sforzi facessi… ma quanti sforzi facessi non riuscivo ad immaginarla…

Oggi mi sono svegliata piena di bolle, ma questa è un’altra storia chissà però se c’è un nesso con la prima elementare.

Annunci

Read Full Post »

 Allora vediamo come si può incastrare una quattrenne che finisce la scuola verso il 12 giugno e la rincomincia a ritmi normali il 27 settembre ,con una mamma che ha un lavoro a tempo pieno e senza troppi permessi?

Le  opzioni sono:

  • la molli in un centro estivo; gestito dal comune e dove lavorano persone che durante l’anno non lavorano, perché le insegnanti di ruolo, durante l’estate stanno in vacanza. Decidi di dare un’occhiata alla situazione e alle 10.30 DI UNA GIORNATA  DI LUGLIO trovi una trentina di bambini sull’asfalto di un cortile della scuola, a non fare nessuna attività perchè guarda il caso tu sei arrivata proprio durante l’orario di cambio attività. Tot. 50 E a settimana e il pranzo e le merende gliele dai tu…..
  • puoi optare per il privato, dove sembra le attività siano molte.I posti  più fichi a Roma, dove si svolgono questi centri estivi, si aggirano intorno ai 170 euro settimana senza pranzo e merende. Fai un breve calcolo e per 4 settimane sono 680 euro per due figli sono 1.360 euro con uno sconto solo sull’iscrizione perche”…. Sa i posti sono pochi…”
  • beh ci sono sempre i nonni no? Costo 0 E .Si ma a parte l’ingiustizia di lasciargli 2 esseri sotto il metro e trenta per circa 2 mesi, sono lontani e quindi tu sei costretta ad andare nei fine settimana e poi ti costa a settembre perché dovrai chiamare S.O.S. TATA per riavere un minimo di equilibrio dentro casa e forse neanche Tata Lucia ce la farebbe a farti riavere quello che ti sei guadagnata in un anno di mediazioni.

Personalmente dopo essermi lambiccata il cervello, ho pensato che le soluzioni erano 2.O  io rimanevo a casa (cioè lavorando senza retribuzione), oppure mi affidavo ad una ragazza alla pari.

La cosa sembrava interessante perché tu le ospiti (vitto e alloggio), e loro stanno con i bambini per un tot.di ore al giorno (massimo 7) con un minimo di retribuzione, le bimbe imparano una lingua che fa sempre molto bene, rimangono a casa visto che è un anno che si fanno il culo con i tuoi orari di ufficio, e casomai si divertono pure se la baby sitter  è brava e le coinvolge. Perfetto no??

 Ok ne contatto qualcuna, tutte disponibili ma l’unica opzione SICURA che mettono è quella di avere la stanza e il bagno personali. Questo vuol dire avere una casa con almeno 2 bagni e 3 camere da letto. 

Questo vuol dire che io sono rimasta a casa e che a breve inizierò a cercare una casa più grande, perché il prossimo anno sarà impossibile stare con loro tutto questo tempo, visto che ho utilizzato il congedo che prontamente mi ero lasciata per l’estate.

Ma questo piccolo benefizio (che è sfuggito alla nuova manovra finanziaria) ha una  scadenza che non arriva alla prossima estate e viste le alternative, è più conveniente trovare un po più di spazio che tutto il resto, visto anche che l’estate sarà un problema solo per i prossimi 10 anni.

Read Full Post »

Nell’ultimo periodo non sono riuscita ad aggiornare il blog come avrei voluto perché una strana congiunzione astrale si è abbattuta sulla mia vita.

Casa : come sempre un circo di cose da mandare avanti partendo dalla colazione finendo alla cena con i nessi e connessi …..

Ok l’ho voluta io quindi niente lamentele, testa bassa e vai avanti …

Figli: ultimamente dormono poco di conseguenza anche io dormo poco di conseguenza loro sono nervosi di conseguenza anche io a volte sono nervosa di conseguenza la gestione è un po più faticosa …

Ok l’ho voluta io quindi niente lamentele, testa bassa e vai avanti …

Matrimonio: ?????????? ( chiaro no?)

Ok l’ho voluta io quindi niente lamentele, testa bassa e vai avanti …

Lavoro : tanto e da studiare perchè 9 su 10 sono cose nuove che devo per forza mettermi a vedere con il libro in mano …

Ok l’ho voluta io quindi niente lamentele, testa bassa e vai avanti …

Amici: cerco di mantenere le relazioni che mi sono rimaste perché se non ti fai sentire “sei sparita” se ti fai sentire è per dare buca a qualcuno che non riesci a vedere perchè qualcuno della tua famiglia sta male o proprio non si può fare per motivi di organizzazione e forza fisica .. . quindi cerco di mantenere i contatti con le persone a cui tengo di più tutto ciò nel tragitto casa- lavoro- lavoro- casa

Ok l’ho voluta io quindi niente lamentele, testa bassa e vai avanti …

Cose divertenti da fare : Non pervenute …..

Totale doveri : 5

Totale piaceri :0

Non è pessimismo ma analisi reale del quotidiano da lasciare a testimonianza perché un domani quando Auri e Mati mi chiederanno “ma tu come facevi??” perché tanto melo chiederanno…… riprenderemo questo foglio in mano e casomai tra molto moooolto moooooooolto tempo….. mi farò anche un risata.

Read Full Post »

 

Chiunque abbia un treenne in casa sa bene che il ciuccio inizia a diventare un problema da dover gestire…

Noi l’abbiamo gestito alla grande fino a quando non è arrivata Mati io credo che se un ci fosse stata una piccola regressione ormai anche il ciuccio sarebbe un ricordo… ma siccome da qualche parte bisogna pur tamponare quando si hanno bambini così piccoli ho pensato che il ciuccio era il minimo sindacabile visto che ci sono mamme che devono rimettere il pannolino dopo lo spannolinamento oppure  bambini che non dormono per il secolo successivo oppure a chi dice proprio male le due cose insieme, quindi alla fine w il ciuccio.

Ora però siamo alla resa dei conti “no ciuccio? No dormi!

Allora lo sottoscritta su suggerimento di un puericultrice sta adottando il metodo “povero ciuccio” che consiste nel far sparire il ciuccio al risveglio di Auri e dirle che il ciuccio se ne è andato perché lei ormai è grande  e ha dei denti grandi e lui è troppo piccolo e qualche bimbo più piccolo di lei ha bisogno del suo aiuto come essere ciuccio.

Si sta convincendo la prima volta è rimasta malissimo secondo me si è sentita un po tradita da quell’amico che l’accompagnava da tanto tempo ma ora dopo un paio di mattine che il povero ciuccio se ne va sembra più serena.

La sfida vera però non finisce qui anzi l’idea è di togliere il ciuccio anche a Matilde perché per esperienza più sono piccoli meno peni tu.

In quest’impresa ho contro in ordine alfabetico la maestra, i nonni, il papà, il pediatra, e una sfilza di libri che dice che il ciuccio è essenziale come “consolazione “ quando non ce la mamma ma ho un’alleata fondamentale una mamma di cui ho molta stima e che mi ha dato tanti consigli preziosi…lei mi ha assicurato che dopo i primi due giorni in cui il ciuccio verrà cercato ogni 30 secondi poi non ci si pensa più…ma anche aggiunto devi essere pronta tu molto più di loro… e devo dire che l’ultima frase mi ha fatto pensare che in fondo non ho mai visto sposarsi nessuno con il ciuccio no?

Read Full Post »

Certo che rinunciare a qualsiasi cosa riguardi se stesse è veramente dura.

Rendersi conto che la vita ti mette di fronte a mille priorità che vengono regolarmente prima di te non è sempre così facile da mandare giù.

C’è il mutuo, l’asilo, la baby sitter, la spesa,le bollette, poi i loro vestiti, le visite, le scarpe, le pappe, i regali, le loro aspettative, le feste, le feste comandate, l’assicurazione della macchina, poi ogni tanto si rompe qualcosa spese extra per la macchina, la moto, conguaglio riscaldamento,  tasse, multe che per quanto stai attenta ogni tanto arrivano e alla fine che rimane?

Di uno stipendio che mi sembrava quasi decente non rimane nulla… e io?

Be esiste l’adattamento con rosicatio, solo che anche se esiste questa formula tipo last minute non basta, bisogna inventarsi qualcosa per evitare che questo accada circa tutti i mesi.

(altro…)

Read Full Post »

Non sono un medico, ma so che lo squilibrio ormonale dato dalla gravidanza non se ne va con il parto.

 Sarebbe troppo bello, che dopo aver partorito, torni come prima, ti rientrano i jeans e le magliette fiche, che il livello ormonale si abbassa come quando eri assolutamente concentrata solo sul tuo egoismo ed edonismo.

Col cavolo!

(altro…)

Read Full Post »

          L’altra sera ad una cena a cui siamo andati è uscito fuori questo argomento del blog.

Il blog è una creatura tua, plasmata da te dove scrivi i fatti tuoi , i tuoi pensieri in libertà.

Scrivi della tua famiglia della tua vita dei tuoi momenti di tristezza e di stanchezza, ma anche delle gioie e delle piccole conquiste quotidiane.

Normalmente chi legge i blog condivide degli argomenti o degli interessi.

(altro…)

Read Full Post »

Older Posts »