Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for febbraio 2011

 

Lo so sono un po demodè,  unfashionable, moto  poco sex in the city. Avrei  potuto far meglio guadagnare qualche soldo in più e  avere una casa all’ olgettina e invece ??? sono finita QUI su internet come mamma con una foto fatta al Louvre e non perché fa fico ma perché è una delle poche dove mi si vede . Quindi niente soldi niente case e soprattutto niente bonifici cospicui sul mio conto in banca  e manco su quello di mia madre ( sai tante volte…)però è un inizio no ?? vedere pubblicato quello che ho scritto io su un sito come ROMAEXPLORER  non è male e non è male soprattutto perché l’ho scritto io una mamma che lavora che fa la spesa che cerca di mandare avanti una famiglia senza lasciare indietro se stessa. Una mamma che si è ripresa quello che la avevano tolto quando è andata in maternità e anche di più, una mamma che ha alzato la voce davanti ad un invito a cena da parte di un dirigente, una mamma che ha rispetto per il proprio amore perché è la sua scelta, una mamma che nel panorama di oggi sembra non esistere ma il mondo- buon per noi – ne è pieno , una mamma che vuole insegnare alle proprie figlie che la bellezza aiuta ma i compromessi ti rendono schiava, una mamma che quello che sa alla fine  …. col senno del poi l’ha imparato tanto anche dalla propria mamma e si rende conto che piano piano  quegli insegnamenti quotidiani  fatti di lavoro, di impegno, di abnegazione per un problema di un figlio, di amore per la famiglia anche quando a me figlia sembrava fosse tutto finito  segnano la mia vita di adesso. E’ l’impegno quotidiano quello che trasmettiamo quello che da l’esempio a chi ci vede da fuori e sicuramente le cose più belle sono quelle dove ci impegnamo   affinchè non finiscano mai…

P.S. Quella con la faccia da foca sono io quella fica la mia mamma alla mia età

Annunci

Read Full Post »

DA PILLA AL VASETTO E RITORNO

Ciao Mati oggi hai fatto la tua prima pipì nel vasetto. Evento storico per te che potrai sapere cha a meno due anni hai già capito il meccanismo e per me che sono stata sempre la mamma che in tutti i modi vi vuole indipendenti.

Nella vita, e questo in genere, ho sempre apprezzato chi se la sa cavare con le sue sole forze e vedendoti questa dote non ti manca.

In questo periodo mi mancate molto, mi manchi tu che la sera quando torno e mi faccio una doccia porti il libricino in bagno e lo leggi seduta sul vasetto per strare con me e mi manca Auri che spesso la notte si sveglia e si accocola nel letto vicino a me.

Purtroppo è così bisogna convivere con questo incredibile senso di colpa di lasciarvi tante ore per lavorare, ma nel complesso mi ritengo fortunata almeno ci sono i nonni che con il loro affetto fanno una parte importante, quella dove io spesso non arrivo.

Tra un po saremo pronti per la festa di Auri e tu ormai quasi parli (in cinese) ma parli. Corri, giochi, canticchi e quando uno ti chiede come ti chiami dici “Pilla” che sta per Caterpillar il soprannome che in questi mesi ti sei aggiudicata quasi come un Nobel.

Che dirti?? Sei fantastica …..  e io ti adoro, ma io sono la mamma e si sa ….. forse anche un po di parte….

Read Full Post »

Il compleanno di Aurora si avvicina e io quest’anno sono ancora molto in dubbio sul da farsi.

All’inizio avevo pensato di far una festicciola in un  parco qui vicino, posto molto carino con gonfiabili, zona circoscritta  per far giocare i bambini di diverse età, con castelli, scivoli, le meravigliose casette di plastica e c’era anche la possibilità di affittare una stanza per l’organizzazione della festa mangereccia , per la torta i palloncini e lo scarto dei regali…

Poi ho pensato di fare una festicciola a casa in fondo i bimbi da invitare non sono molti, Aurora è molto selettiva, con grandi scuse della mamma per gli esclusi ma abbiamo la lista bianca e quella nera…. E a quattro anni è anche giusto visto che sua madre continua a farlo anche oltre i trenta.

Ma come far scatenare anche pochi bambini in un appartamento romano senza doverlo ritinteggiare??

Allora ho pensato che dal momento che è carnevale potrei indire una festa mascherata nella casa che abbiamo fuori in campagna, ma il rischio è alto perché molte mamme schiattate dalla settimana lavorativa potrebbero raggirare cortesemente l’invito con le più note scuse….

Se fosse stato per me sarei andata sicuramente  QUI e avrei commissionato una festa con laboratorio dove casomai avrei partecipato anche io…. ma purtroppo è dall’altra parte della città  quindi??? Ancora non so bene forse ci sarà una megatorta a casa e poi un bonus per una giornata da trascorrere QUI. A breve sarà aperto e io non vedo l’ora che ciò  avvenga. Comunque fino al giorno del compleanno ci sanno altri cambiamenti di rotta e fino alla fine mi sa che non decido anche perché poi a dirla tutta non mi piace festeggiare il compleanno in un posto diverso da casa e quindi come si dice TITUBO sempre un po.

Read Full Post »

UN PAN DAN PERFETTO

 

Si sa noi donne siamo un po cattivelle … e se a farci arrabbiare è un tuo simile con circa 15 anni di meno allora li scatta proprio “il mio turno di rispetto l’ho dato ora tocca a te”

ieri arrivo con la gnoma all’asilo.

Parcheggio nella solita piazzola, scendo l’accompagno all’asilo.

Ritorno e dietro alla mia macchina a circa  10 cm c’era parcheggiata una simpatica minicar nera con gli specchietti a penzoloni e un dado di pelouche fuxia attaccato allo specchietto retrovisore.

Fuori dalla macchina c’erono due ragazzine immagino sui 16-17 anni ( attaccato all’asilo c’è un liceo classico) vestite (???) da veline e truccate come Moira Orfei.

ora va bene che guidano come assassini, va bene ch non si fermano mai ad uno stop, va bene che parcheggiano ovunque ma……

Mentre salgo sulla macchina le gaurdo e chiedo” Potresti spostarti un po indietro così esco??”

La tipa mi guarda e dice in perfetto dialetto romano

Che è corpa mia si non zai guidà?””

li per li sono rimasta … me è stato giusto un attimo poi sono risalita in macchina , ingranato la retromarcia e patatatatapuuuummmmm una bella botta alla minicar che è schizzata indietro.

“ok ora ci passo”

“Aoh ma che sei matta ??????”

“per qualsiasi cosa prendi il numero di taga e fammi chiamare da mamma cosi ci mettiamo daccordo sul cid visto ch mi hai tamponato.” l

così adesso la minicar ha  anche il paraurti in pan dan con gli specchietti

Read Full Post »

 

Una sensazione molto strana andare al colloquio individuale con le maestre di Aurora.

Intanto perché è il primo colloquio da mamma e non da figlia e poi perché è la prima volta che ho uno scambio che non sia con mia madre sul comportamento di Auri.

“Niente da dire su sua figlia è buona lavora con costanza si applica in quello che fa socializza bene è  autonoma e non si lamenta se qualcuno le fa uno sgarbo. Comprende bene ed è capace di ripetere le storie che raccontiamo. E’ educata e sempre gentile si vede che è una bambina seguita anche a casa” .

Il colloquio doveva durare un quarto d’ora con tanto di timer da cucina si è concluso con un imbarazzante

“Ok grazie speriamo che sia così anche per i prossimi 20 anni “.

Mentre stavo andando la maestra mi chiede “ scusi signora ma perché Cenerentola va dal giudice?”

Oddio no …. “Beh … ecco..io cerco di non raccontarle la storia del principe sul cavallo bianco … insomma ormai non ce ne sono più … cerco di dirle che le persone può essere che si vogliano molto bene per un periodo e poi le cose cambiano e ognuno prende una strada diversa.. casomai lascia il castello e va in un bilocale ma è molto felice lo stesso … l’importante è che Cenerentola sia indipendente …. è felice perché è bella e di buoni sentimenti e non perché sta con il principe nel castello …. Cioè  quello che vorrei dirle è che la felicità dipende da lei e non da un’altra persona …. Se poi c’è tanto meglio …..ma se non c’è non c’è problema … no?”

“signora scusi ma lei e suo marito….”

“ non ci stiamo separando …. “

Bene,  se mai dovesse succedere avvertiteci perché per il bambino è un momento particolare che anche noi dobbiamo saper gestire..

“Sicuramente grazie”

Ora può darsi che io esageri – ci stà – può darsi che a me le favole con principesse e bimbe morte di freddo (piccola fiammiferaia) non sono mai piaciute ma come l’avrebbe prese la maestra se alla domanda “perché Cenerentola va dal giudice?” le avessi risposto “ per l’inchiesta sui festini di Arcore no?”

Read Full Post »